Il responsabile della protezione dati

Il responsabile della protezione dei dati

Lo staff di “GDPR Scuola” si mette a disposizione degli istituti per assumere l’incarico di responsabile della protezione dei dati (RPD o DPO).

L’RPD è una figura obbligatoria che tutti i soggetti titolari del trattamento devono nominare in ottemperanza alle indicazioni fornite del GDPR.

L’incaricato svolge un ruolo chiave nella promozione della cultura della protezione dei dati e contribuisce a dare attuazione agli elementi essenziali del regolamento.

Il responsabile della protezione dei dati deve:

  • Informare e consigliare il titolare o il responsabile del trattamento, nonché i dipendenti, sugli obblighi previsti dalle norme in materia di protezione dati e sicurezza
  • Verificare l’attuazione e l’applicazione della normativa italiana ed europea in tema di privacy
  • Se richiesto, fornire pareri e assistere il titolare in merito alla valutazione d’impatto sulla protezione dei dati e verificare l’applicazione dei relativi adempimenti
  • Cooperare e fungere da punto di contatto con l’autorità di controllo e con gli interessati in merito a qualunque problematica connessa ai loro dati o all’esercizio dei loro diritti
  • Considerare debitamente tutti i rischi inerenti al trattamento e consigliare al titolare gli eventuali adempimenti da svolgere
  • Consultare l’autorità garante per la protezione dei dati anche di propria iniziativa

Per saperne di più sulla figura dell’RPD vai all’articolo “Il ruolo del Data Protection Officer”

Letture consigliate dal blog

Gli elenchi dei nuovi iscritti non vanno pubblicati sul sito web della scuola

Alcune considerazioni riguardo la divulgazione degli elenchi dei nuovi iscritti sul portale web dell’istituto e alla pubblicazione dei voti online.LeggiGli elenchi dei nuovi iscritti non vanno pubblicati sul sito web della scuola

Il data breach che si nasconde dietro l’invio di una email

Le violazioni dei dati che possono essere associate a un improprio invio delle email, con particolare riferimento all'uso dei campi "CC" e "CCN".LeggiIl data breach che si nasconde dietro l’invio di una email

GDPR: ecco gli errori che la scuola deve evitare

Ecco gli errori fondamentali che la scuola deve evitare di compiere in concomitanza con l'entrata in vigore del nuovo regolamento sulla protezione dei dati.LeggiGDPR: ecco gli errori che la scuola deve evitare