Il principio di accountability

Oggi vorrei parlarti di un principio fondamentale introdotto dal GDPR, quello di “accountability“.

Questa parola, tradotta in italiano, suona come “responsabilizzazione”.

Il GDPR ritiene che il titolare del trattamento dei dati sia il soggetto che meglio possa valutare quali siano le azioni più appropriate da compiere nel proprio contesto operativo per adempiere alla normativa.

Considera pertanto questa figura responsabile (“accountable”) di tale valutazione e delle scelte che da essa derivano.

Assistiamo dunque a un sostanziale cambio di paradigma rispetto al passato: alle organizzazioni pubbliche e private vengono ora attribuite specifiche responsabilità, oltre all’onere di affrontare ex-ante la gestione dei rischi.

La valutazione finale sulle procedure da mettere in atto per adeguarsi al nuovo regolamento è perciò ora totalmente a carico del titolare del trattamento dei dati.

Egli è tanto libero quanto responsabile delle scelte che fa: deve documentare le sue azioni e dimostrarne la rispondenza ai requisiti richiesti dalla normativa, avvalendosi della collaborazione della nuova figura del data protection officer (DPO).

GDPR Scuola fornisce servizi di consulenza sul nuovo regolamento e organizza incontri personali e seminari interattivi online (webinar) per sensibilizzare gli amministratori scolastici.



Iscriviti alla community di GDPR Scuola!

Riceverai aggiornamenti costanti sul GDPR
tramite una newsletter settimanale e potrai usufruire di tante
risorse utili per saperne di più sulla normativa!

Letture consigliate dal blog

I docenti, i temi e le comunicazioni scolastiche

Il trattamento dei dati personali degli alunni da parte dei docenti dev’essere effettuato nel rispetto della normativa vigente: vediamo come.LeggiI docenti, i temi e le comunicazioni scolastiche

Identità Digitale: a breve SPID esteso anche ai minori di 18 anni

A breve verrà estesa la possibilità di richiedere l’Identità Digitale anche per gli under 18: ecco come funzionerà lo SPID per i minori.LeggiIdentità Digitale: a breve SPID esteso anche ai minori di 18 anni

Buone pratiche per la cybersecurity nelle scuole

Alcune considerazioni sulle buone pratiche di sicurezza informatica che le scuole dovrebbero adottare per garantire un’adeguata protezione dei dati.LeggiBuone pratiche per la cybersecurity nelle scuole

Iscriviti alla community di GDPR Scuola
e scarica subito i bonus a tua disposizione!

Iscriviti

Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali reperibile alla pagina Privacy e note legali.